subscribe: Posts | Comments | Email

“Matrimoni ed altri effetti collaterali” al Teatro di Noto.

0 comments
“Matrimoni ed altri effetti collaterali” al Teatro di Noto.

“Matrimoni ed altri effetti collaterali” al Teatro “Tina Di Lorenzo” di Noto.

Affermata cantante, brillante attrice, Mita Medici è stata anche la ragazza del Piper. Proprio per questo il gruppo musicale veneto “Le Orme” le dedicò la canzone “Mita Mita”, lato B del 45 giri “Senti l’estate che torna”. Numerose le apparizioni nel piccolo schermo – su tutte lo sceneggiato Coralba -, poi, al fianco di Baudo, Mita Medici ha presentato anche una edizione di Canzonissima. E poi via alle soap opera “Un posto al sole” e “Centovetrine”. Diretta da Manuel Giliberti Mita Medici sarà a Noto, al Teatro “Tina Di Lorenzo”, venerdì 24 marzo p.v. con lo spettacolo “Matrimoni ed altri effetti collaterali”, liberamente tratto da Salvem les balenes di Ivan Campillo.matrimoni-giliberti

                                 ”Una coppia borghese come tante, dieci anni di matrimonio, professore lui, casalinga lei.
Gli anni trascorsi si fanno sentire. Anna e Luigi non hanno figli e la monotonia sembra aver preso il sopravvento in un menage che non sa come re-inventarsi. E forse il tempo ha limato anche l’interesse a dar vigore ad una relazione stanca soprattutto nell’entusiasmo individuale di pretendere la felicità. Tutto si muove in un’alternanza tra un’ingombrante ipocrisia, che rende la relazione immobile, e la spietata lucidita’ che ognuno di loro usa nell’analizzare le proprie personali evoluzioni che, non trovando traduzione anche in quelle coniugali, creano insoddisfazione.

La madre di Anna , Giovanna detta Jane (in onore di Jane Fonda ), una ex sessantottina che non rinuncia alla filosofia new age, alle sue tuniche indiane, ai suoi gioielli etnici e ai sogni libertari di un tempo, segue con preoccupazione la vita della coppia. Secondo il suo modello di vita manca qualcosa ai due: cerca nei più diversi modi, e secondo il suo punto di vista, di intervenire e risolvere il loro matrimonio prima che sia troppo tardi. Una vacanza, un centro benessere, forse un diverso stimolo sessuale.

La svolta avverrà quando si presenterà un giovane ragazzo, Fabio, esperto in riparazione di serrande. In un accelerarsi di vicende, con un andamento puramente almodovariano e quasi al limite del surreale, i personaggi si confronteranno con nuovi, esilaranti, stimoli per ritrovare un nuovo punto di equilibrio e un rivisitato gusto per la vita, risolvendo, ognuno a suo modo, ma tutti insieme, i loro problemi. Un po’ come l’angelo pasoliniano di Teorema, ma senza alcuna pretesa liturgica, la presenza del giovane ribalterà le convenzioni e consentirà a tutti i protagonisti di rappacificarsi con gli altri o con se stessi. Ma sarà davvero così?”.

Vincenzo Rosana  -  Ufficio Stampa

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>