subscribe: Posts | Comments | Email

Una breve nota su “L’Immacolata, Patrona Civitatis”

0 comments
Una breve nota su “L’Immacolata, Patrona Civitatis”

Copertina IMMACOLATA NOTOL’Immacolata – Patrona Civitatis

 Una breve nota di Orazio di Rosa

    Scrive Luigi Stefanini: “L’occhio che vede non vale per l’Arte  se attraverso  l’occhio non passa la luce dell’anima che illumina le cose”. Ed è luce dell’anima quella che abbaglia e seduce il lettore o il visitatore, il quale, per il tramite di colui che stimola una diversa meditazione e una più contemplativa  “lettura”, è portato ad una più attenta valutazione delle varietà delle armonie dell’Arte.

Armonie che possiamo cogliere negli innumerevoli complessi monumentali religiosi di cui è ricca la nostra terra, con nelle mani l’oggetto o gli oggetti di studi intensi con notazioni capillari che fungono da documento, guida, vademecum.

2015-06-24 09.26.41   E’ uno di questi, il volume sulla realtà monumentale della Chiesa all’Immacolata di Noto, dello studioso Biagio Iacono; testo che, secondo un progetto che prevede una completa panoramica della spettacolare parata di complessi religiosi lungo la Via delle Chiese, segue quello sulla Cattedrale, per essere poi completato da altri studi relativi agli edifici sacri che prospettano sull’arteria principale della Città.

E’ passionale e intensa la carica che muove l’Autore nel formulare l’ampiezza e gli sviluppi dei suoi itinerari, connotata da una immediatezza espressiva che rivela un personalissimo gusto della narrazione. Vi si scorge il godimento che ha sostanziato il suo rapporto con i segni dell’arte, nutrito da calorosi sensi di amore, e in un continuo ed eloquiale idillio con la sua città.        Non  si affida egli  infatti ad una semplice elencazione, o ad una successione di fotogrammi, o ad un brulicare di macchie di pittura o di sequenze espressive di linee, presenta piuttosto un racconto ove le parole, in un impasto lessicale semplice e privo di accademismo, registrano le cento e cento esteriorizzazioni del sentimento religioso, e si fanno colore, senso e significazione. Un amore per la sua città di sogno, nutrito visceralmente dall’Amico Biagio, e manifestato con straordinaria evidenza in innumerevoli pubblicazioni, da Noto mia  a Netum, e agli Studi sulla figura di Mariannina Coffa; ed ora, con quest’ultima esaltante fatica, destinato a durare ancora a lungo, per sempre.

  Orazio Di Rosa

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *