subscribe: Posts | Comments | Email

Noto: clamoroso sequestro della GdF d’un parcheggio abusivo sotto i Giardini Pubblici!

Commenti disabilitati su Noto: clamoroso sequestro della GdF d’un parcheggio abusivo sotto i Giardini Pubblici!
Noto: clamoroso sequestro della GdF d’un parcheggio abusivo sotto i Giardini Pubblici!

20150722_095052_

GUARDIA DI FINANZA SR: SEQUESTRATO, A RIDOSSO DELLA PORTA FERDINANDEA,

CANTIERE ABUSIVO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PARCHEGGIO NEL CENTRO STORICO DI NOTO.

CANTIERE01Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Siracusa, nell’ambito della assidua e presente attività mirata alla tutela del territorio e delle bellezze artistiche e barocche presenti nel sito di Noto (SR), riconosciuto patrimonio dell’UNESCO, ha sottoposto a sequestro un’area di circa tremilaseicento metri quadri ricadente nel centro storico Netino.

Le Fiamme Gialle di Noto, hanno eseguito una articolata attività di indagine – coordinata dal Procuratore Capo dalla Procura della Repubblica di Siracusa Dott. Francesco Paolo Giordano e diretta dal Sostituto Procuratore Dott. Marco Di Mauro – che ha permesso di constatare la presenza di un cantiere completamente abusivo.

I lavori in corso – sprovvisti delle necessarie autorizzazioni – consistevano in scavi, sbancamenti di terreno ed edificazione di muri di contenimento per la realizzazione di un vasto parcheggio nei pressi della Villa Comunale. Le aree interessate, risultate attualmente nella disponibilità di una società, sono in parte di proprietà di un privato e in parte del Comune di Noto in forza di un contratto di affitto e di un comodato d’uso gratuito.

CANTIERE02
Gli ulteriori accertamenti hanno evidenziato che l’area oggetto di sequestro ricade nella – zona “A” – Centro Storico sottoposto a particolari vincoli dove non è possibile effettuare alcun tipo di lavoro previo parere della Soprintendenza ai beni Culturali e ambientali.

Il rappresentante legale della società, è stato segnalato alla competente Procura della Repubblica di Siracusa per abuso edilizio e per aver effettuato opere in assenza delle prescritte autorizzazioni dei Beni Culturali.

Comments are closed.