subscribe: Posts | Comments | Email

I ns. AUGURI con la “Ballata di Natale 2014” di A. Paritanti

0 comments
I ns. AUGURI con la “Ballata di Natale 2014” di A. Paritanti
Caltagirone: Presepe vivente 2014

Caltagirone: Presepe vivente 2014

 AUGURI  di BUON NATALE 2014 e FELICE 2015  –  Biagio Iacono

APRI QUI GLI AUGURI DI  MERRYCHRISTMAS

  PERVENUTICI DALL’UNUCI DELLE ISOLE EOLIE

______________________________________________

   P. Aleandro Paritanti, Sacerdote dei Figli dell’Immacolata Concezione, mi invia la sottostante sua  “Ballata di Natale 2014” con gli Auguri per le prossime Festività:  Auguri che ricambio di cuore a Lui ed a tutta la Congregazione dei PP. Concezionisti, di cui sono stato e mi sento ancora figlio affezionato e sempre riconoscente, anche nel ricordo di  Fr. Giuseppe Polimeno e dei tanti altri Fratelli Religiosi  miei Maestri di vita nella formazione socio-educativa e culturale.    Grazie, caro Aleandro. Biagio Iacono  

_________________________________________

NATALE  2014

Paritanti 1

  …ha dato potere di diventare

figli di Dio
a quelli che credono

nel suo nome

e l’hanno accolto…

…da Dio

sono stati generati…
…e il Verbo si fece carne
e venne ad abitare

in mezzo a noi
e noi vedemmo la sua gloria
di unigenito
pieno di grazia e di verità…

(Gv 1,12-14)

LA BALLATA DEL NATALE

ogni mattino

Ogni mattino il mondo celebra natale

e i figli dell’uomo toccano il Dio vicino

nel volto di bimbi al primo vagito.

Il cuore dilata le pupille nello stupore

impotente la carne riceve la luce

originale abitazione del Dio fatto uomo.

Gli occhi vedono la meraviglia del nuovo

nei volti di camminatori notturni

Emmanuele è il nome per tutti.

La luce non appare nel cuore tenebroso

nella storia lacerata un bambino è fiato divino

nel travaglio di parto s’accende la vita.

Limite e debolezza sono braccia terrene

e la parola si fa carne con nuovi linguaggi

potenza di fede è lieto annuncio nell’impasto di terra.

Testimoni oculari siamo di eventi di salvezza

nel tozzo di pane spezzato si rinnova la festa

trasformazione completa è l’umano volto in divino.

 

in principio

In principio la vita è parola di luce

scende tra viandanti dal cuore in subbuglio

colui che è in tutto e per tutto Dio

si fa uomo di carne in tutto e per tutto.

Nati da Dio è vera dignità del generato uomo

affidato a braccia aperte di mattini di sole

il sangue non ha più potere sulla terra

nel volere di carne si mescola l’amore di Dio.

E vedo bellezza di cielo in Gesù Uomo

la gloria divina si svela nel contemplare e toccare

la mia immagine ritorna incontaminata nel profondo

pienezza di grazia e di benedizione abitano in me.

Nella fede vedo oltre il velo delle apparenze

il Dio Bambino si china con affabile tenerezza

penetra la luce nell’anima del mio corpo di terra

originalità si imprime a fondamento dell’esistere.

Il volto di Dio è soffio di vita in ogni uomo vivente

nei giorni della debolezza risplende la sua sapienza

sfida illuminante è l’incontro con il diverso

non più di spalle l’occhio è abilitato a guardare.

Unica scala unisce cielo e terra affratellati

da nubi squarciate discende il Liberatore

promesse di vita riuscita si scrivono nella mia carne

io sono e il respiro ringrazia l’Eterno.

 

incontri

Incontro Elisabetta appesantita nella sterile maledizione

solo la Voce genera per preparare il cammino alla Parola

a Zaccaria un angelo appare nell’offerta sacra al tempio

e tace incredulo al muto silenzio di Dio.

Giuseppe, innamorato in attesa, respira il giusto sentire

sposa la dolcezza immacolata della nuova Eva

nel silenzio costruisce ponti di illuminata profezia

e si fa padre pensoso di generazioni distratte.

Maria è nuova creazione nell’umile nascondimento

un angelo entra nel quotidiano per l’impossibile

la luce si fa ombra in pienezza di grazia

allegra assume il volto di Dio nella sua carne.

Maria abita nell’amore materno e sponsale di Dio

si interroga nel turbamento provocato dalla parola

dialogo è comunione intima con il suo Signore

è pentecoste e il deserto diventa giardino.

Maria scrive nella fede il nuovo cammino

con l’eccomi e nell’avvenga Dio abita nel mondo

memoria di ciò che è avvenuto e avverrà

nello Spirito svincola timore e paura.

donna generante

Cielo e terra si abbracciano all’alba di ogni mattino

speranze di tenerezza scuotono il cuore sonnacchioso

e la visione di pienezza corre oltre la prigionia alienante

compagna all’uomo nella fede è la Donna generante.

Grembo maturo è la terra che accoglie il seme

ideale e realtà vibrano tensione nel cuore umano

intuizione del mistero di Dio è bellezza interiore

nuove sfumature rivela l’amore in ogni situazione.

Nel riserbo umile dell’uomo i desideri rompono l’indugio

anche nella nullità dell’esistenza umana abita Dio

e purifica il sapore malato nell’incertezza di vita

sacro tempio è il cuore di uomini risanati.

La tenda di Dio non più provvisoria è presenza svelata

rompo i lacci oppressivi di rapporti umani viziati

libertà di spirito si colora in gesti intensi d’amore

e divento grembo in attesa di parto.

Accetto nella mia carne i sommessi impulsi divini

rugiada luminosa si attacca su steli anemici

l’ebbrezza dell’amore entra nei sensi e mi scuoto

nel volto di ogni uomo adoro Dio.

 

nel silenzio

Attraverso il mio silenzio

nella notte del mistero

l’infinito si limita nel finito

lo sconfinato Dio è frammento

nel confine di un corpo

tempo e spazio umano.

Il Tutto è contenuto nel mio piccolo

umiltà di bambino in fasce

l’abitatore del cielo si rivela

scende tra gli uomini assonnati

e il cammino si fa  benedizione

in sguardi umili.

Nel profondo del mio silenzio

elenco le ferite difficili da rimarginare

le solitudini invincibili da debellare

e attendo una parola creatrice.

Nel vagare smarrito in nebbia lattiginosa

ritrovo il sentiero della speranza

desiderio di vita rigogliosa.

Al mattino del mio ritrovato giorno

finisce il disorientamento

e sottratto al canto delle sirene

il pellegrinare fiuta i segni di tenerezza

abbandono il trambusto della notte

la luce irrompe nella mia anima.

  

spirito irruente

Dove abita lo Spirito irruente

il Dio lontano accorcia le distanze

entra nelle scelte di vita quotidiana

fidarsi e amare è dissipare oscurità nel cuore.

Un Dio scomodo sconquassa l’esistenza

un sì cambia i vetri del balcone di casa

su nuove strade ritrovo dignità assopita

dimensione impensata è speranza domani.

Dio in fasce respira nella mangiatoia

nei segni disadorni il quotidiano è profetico

storia sacra diventa ogni storia umana

e un’arcata di ponte lega per sempre Dio e l’uomo.

Tutti hanno fretta nella notte santa

lo stupore penetra il senso di ogni cosa

nel cuore la parola è amore senza confini

eccomi o Dio e già seguo l’unica direzione.

ho fretta

Ho fretta

nel correre nel presepe della vita

tra figli e figlie di generazioni in cammino

stupiti del messaggio nella notte

ecco, arriva il Salvatore del mondo.

Ho fretta

e sono ricercato da una voce di vento

non più abbandonato nella tenebra

qualcuno mi solleva con mani materne

vieni, un Bambino è vagito in fasce.

Ho fretta

esco da storie di peccato bagnate di lacrime

nel pudore scopro ferite sanguinanti

non sono più solo a inginocchiarmi

vieni, adora il Riposante nella mangiatoia.

Ho fretta

nel rivestire a festa la mia nudità interiore

alla tristezza della notte è subentrata l’alba

presenza divina in tabernacoli di carne

vieni, l’Amore sconfinato è vivibile.

Ho fretta

l’ombra divina riveste il mio respiro

cammino in libertà soffiata in ogni cosa

tutto riprende vigore e senso

vieni, un Dio Papà è sorriso.

Ho fretta

svuoto il cesto delle schiavitù dell’indifferenza

genero miracoli di vita e non più vento

nel mio frammento è depositato il mistero

vengo, Dio aspetta proprio me.

 

nuova casa

Dio si costruisce una casa di carne

non un tempio e un culto

sorgente di sicurezza per l’uomo

è onorarlo come Altro

lontano da feste e riunioni sacre

lontano da offerte grasse in segno di pace

lontano dal frastuono di canti e suono di arpe.

Un torrente perenne è la vita

nel fluire del diritto e della giustizia

Dio scrive progetti di futuro

ti sarò padre e tu mi sarai figlio

e nella pienezza di ogni tempo

l’incontro di due libertà

è dono nello stesso rifugio.

 La nostalgia del mio Dio

infiamma l’aurora

ricerco spazi alternativi

misericordia e grazia

accompagnano i gemiti del cuore

sulla strada nuovi pastori seguono la luce

felicità è il mio vestito

fino al termine del pellegrinaggio.

doni regali

Mi faccio regalo come i magi della storia

ricercatore mai sazio del Dio fatto uomo

sorriso per me nei meandri di vicoli bui

alla mia stella affido lo sguardo del domani.

Il dolore e le ferite spalmate di mirra

risanano l’anima e il cuore affaticati

desideri pieni profumano i passi umani

con l’incenso offerto nell’adorazione.

Ogni gesto è oro puro nel dono dell’amore

e tutto si trasforma in luce di sapienza

prende dimora in ogni cuore bambino

figli e figli di Dio rinascono guariti.

vino nuovo

E non so sorseggiare il vino nuovo offerto

registro nel cuore incapacità di amare

Donna dall’occhio penetrante ti accorgi di me

annaspante in anfore di pietra riempite

imperfezione è l’acqua di torrenti fuori stagione

fatica e pena del lavorare invano.

Indurita l’anima cerca al mattino

nuova sorgente zampillante

e nel maschile mi faccio donna partoriente

per generare e rinascere

e non ho più bisogno di vedere il mistero

quando l’amore rallegra il mio cuore di uomo.

Venite con me davanti al Dio visibile

volto umano e divino

chiediamo nuova circolazione di sangue

nel respiro di vita

e la nostra terra assetata sia bagnata di rugiada

un calice di vino dolce contiene l’amore

compimento di immensi desideri

estasi di un abbraccio ormai eterno.

la mia lucerna

 

Accendo la mia lucerna

nella notte santa

vieni luce del mondo

abita nel mio cuore.

Il mio fiato evapora

nella notte santa

vieni amore divino

scalda il mio cuore.

La mente elabora sogni

nella notte santa

vieni sapienza fatta carne

plasma di nuovo il mio cuore.

Un stella si è accesa

nella notte santa

vieni tenerezza di bambino

consola il mio cuore.

I piedi hanno fretta

nella notte santa

vieni vincitore delle tenebre

illumina e guida il mio cuore.

 AUGURI

p.aleandro

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *