subscribe: Posts | Comments | Email

” Viaggiatori in Val di Noto ”: un prezioso volumetto di Enzo Papa

Commenti disabilitati su ” Viaggiatori in Val di Noto ”: un prezioso volumetto di Enzo Papa
” Viaggiatori in Val di Noto ”: un prezioso volumetto di Enzo Papa

UN PREZIOSO SAGGIO DI ENZO PAPA

SUI VIAGGIATORI IN VAL DI NOTO

 di  MELO FRENI

 copertina“Viaggiatori in Val di Noto” è un interessante libretto di Enzo Papa, che contrariamente alla esiguità delle sue pagine, appena ottanta, è un’autentica piccola enciclopedia, un “bignamino” diremmo, sulla storia di grandi e piccoli viaggiatori in Sicilia, generalmente conosciuti o del tutto ignoti. Viaggiatori di ieri e di oggi, a cominciare dalla seconda metà del 1700, perché fino ad allora l’isola, tranne qualche eccezione, era pressoché  sconosciuta in Europa, “percepita come una terra mitica, misteriosa e lontana”.

PASSAGGIO A SUD EST

Una delle eccezioni, ad esempio riguardava il frate domenicano Leandro Alberti che visitò la Sicilia nel 1526 e la cui “Descrittione” viene considerata – scrive Papa – come il prototipo di tutti i successivi libri di viaggio. Ma si tratta, appunto, di una eccezione, sicché il libro è calibrato sulla ricchezza dei nomi che dall’Illuminismo trassero spinta per visitare una regione a ben ragione depositaria di storia, arte e civiltà, di autentico interesse europeo.


Ma furono visite che ripercossero quasi sempre i luoghi risaputi e poco, o per nulla, interesse dimostrarono nei confronti di quello scorcio dell’isola a sud di Siracusa, il cuore, potremmo dire, ancorché geograficamente al margine, del Val di Noto. Lo conferma, lamentandosene, una pagina dell’indimenticabile scrittore francese Dominique Fernandez che visse a lungo fra Capo Passero e Noto, e fa bene Enzo Papa a riportarla.

Ma c’è anche una considerazione da fare : il barocco, per cui quella parte dell’isola è diventata famosa, non è opera di antica architettura, ma si è sviluppato in epoca piuttosto recente, per la “sbrigliata fantasia” dei fratelli Gagliardi  (Rosario in particolare) che trasformarono in trionfo di forme e di volute le distruzioni apportate da un pesante terremoto. Non c’è dubbio che dal barocco in poi splendide realtà d’arte come lo sono Ragusa, Ispica, Scicli, Modica soprattutto, e le altre che chiameremmo con Vittorini “le città del mondo”, costituiscono tappe fondamentali lungo gli itinerari dei viaggiatori in Sicilia . E fa bene l’autore a ricordare quanto la letteratura degli intellettuali del luogo (da Bufalino a Sofia) abbia influito alla rigenerazione del “Vallo”.

Sul saggio di Enzo Papa si potrebbe dire di meglio e di più a voler scomporre nome per nome, opera per opera (e si tratta di molto) il ricco quadro riportato con autentica sapienza di certosino impegno. Per questo, è più un libretto da leggere che al commento lascia lo spazio che trova. Ma c’è di più nell’indagine dello studioso ed è quella parte per nulla secondaria che riguarda, antropologicamente, la posizione della cultura in Sicilia negli anni del “gran tour” e prima : furono appunto i viaggiatori stranieri a far scoprire l’isola agli stessi siciliani “sulla scia della ventata neoclassica che investì l’Europa nel più alto Illuminismo”.

       Melo  Freni

ENZO PAPA breve bioblibliografia CHI E’ ENZO PAPA

 

Comments are closed.