subscribe: Posts | Comments | Email

“Antologia” di Nuzzo Monello: recensione di Paolino Uccello.

Commenti disabilitati su “Antologia” di Nuzzo Monello: recensione di Paolino Uccello.
“Antologia” di Nuzzo Monello: recensione di Paolino Uccello.

                             Copertina e foto Autore

ἀνϑολογία ANTOLOGIA” di Nuzzo Monello: recensione di Paolino Uccello sulla Rivista dell’Ente Fauna Siciliana.

   Lo scorso  anno, a cura del Presidente Regionale E.F.S. Corrado Bianca, fu  pubblicata sul GRIFONE del n°1/28 Febbraio 2019 la seguente recensione:  

L’Uomo, sin dagli albori della civiltà, usa i simboli per comunicare con le divinità ma anche con i propri simili, noi ricorriamo costantemente all’uso di termini simbolici per rappresentare concetti che sono impossibili da definire o comprendere completamente.

Chiesa rupestre Sant’Elia

Credo che Nuzzo Monello con le sue opere cerchi di comunicare le sue emozioni e il suo legame con la terra. Così la rappresentazione di una spiga di grano ci rimanda, sin dall’antichità, alla fertilità della terra e all’abbondanza che gli artisti del ‘500 raffiguravano tramite una donna prosperosa con il capo cinto con fiori di campo e spesso una cornucopia colma di spighe di grano.

Astragalus-sempervirens-lam

Ancora oggi in Sardegna, i genitori della sposa, prima di recarsi in chiesa, benedicono la figlia ponendo sul suo capo chicchi di grano. Nell’antica Grecia, il grano era attributo di Demetra, la quale, secondo la leggenda, lo aveva donato agli uomini dopo che la figlia Kore era stata rapita da Ade e condotta agli Inferi, per ricompensare Trittolemo, figlio del re di Eleusi, che le aveva rivelato il nome del divino rapitore. Altro rimando a tradizioni e a miti è la pittura rappresentante un frammento di ferula, questo ci riporta alla tradizione iblea di allevare le api nelle arnie costruite con legno di ferula.

Nuzzo Monello e Biagio Iacono

Nuzzo Monello ci confonde piacevolmente con le tante rappresentazioni di piante e foglie, d’altronde tutta la vita umana è stata descritta e commentata nei secoli da metafore, locuzioni, proverbi ispirati al mondo vegetale, cominciando dalla nascita.

Asteraceae Crupina vulgaris Cass. Crupinacomune.

Non a caso un uomo nasce da un ceppo o da una stirpe oppure da un lignaggio. Il libro riporta splendide raffigurazioni di orchidee, ispirato dalle bellissime orchidee iblee che i greci chiamavano “sandalo del mondo”, per il labello rigonfio che si ritrova in molte specie spontanee nell’area mediterranea e che assomiglia alla punta di una scarpetta. La bellezza del fiore ha evocato anche il simbolo dell’armonia e perfino ha rappresentato l’emblema della perfezione spirituale. Naturalmente non potevano mancare le raffigurazioni degli agrumi e in particolar modo delle arance. Anche questi frutti sono legati al mito e alle leggende, come quella di Atalanta, abile cacciatrice, insuperabile nella corsa e vergine consacrata agli dei.

Nuzzo Monello interviene durante la presentazione del suo libro nella Sala Consiliare del Comune di Avola, il 24 Giugno 2017.

Ogni pretendente che la chiedeva in sposa avrebbe dovuto affrontare una prova ovvero una gara singolare: il futuro marito doveva infatti fuggire da Atalanta mentre lei lo inseguiva con una lancia. Se il pretendente fosse stato raggiunto da Atalanta, lo avrebbe atteso la morte e non il matrimonio. Fra i candidati vi era Ippomene, cui Afrodite aveva donato tre pomi d’oro, suggerendogli di buttarli a terra durante la corsa. Atalanta, incuriosita, rallentò la corsa per raccogliere quegli splendidi frutti e, in tal modo, perse la gara.

Monte Sant’Elia, Avola con vista del vulcano Etna.

 

Non mancano tra le opere di Nuzzo Monello cromatismi che ci rimandano ai colori della nostra terra, tanto ricchi e vivaci, da farci vivere sensazioni diverse, dagli odori della zagara ai profumi delle foglie di alloro appena sfiorate.

Paolino Uccello

______________________

AVVISO AI LETTORI:

PER UNA MAGGIORE COMPRENSIONE DELL’OPERA DI NUZZO MONELLO

SU QUESTE COLONNE CLICCARE I SOTTOELENCATI LINK:

A Nuzzo Monello due prestigiosi Premi…

Tra “cozzi e lampazzi” alla scoperta di Contrada Sant’Elia

Nuzzo Monello ricorda Bruno Ragonese.

Avola: Nuzzo Monello presenta “ἀνϑολογία” la sua magnifica “Antologia”

Sulla “Antologia” di Nuzzo Monello.

Monti Iblei: sfogliando “ἀ ν ϑ ο λ ο γ ί α”, l’Antologia di Nuzzo Monello.

Comments are closed.